Papa Francesco e Presidente Conte

Papa: prego per famiglie senza lavoro, vittime degli usurai

 “In tante parti si sentono gli effetti, uno degli effetti, di questa pandemia: che tante famiglie che hanno bisogno, fanno la fame, e purtroppo li aiuta il gruppo degli usurai. Questa è un’altra pandemia, la pandemia sociale: famiglie di gente che ha lavoro giornaliero, o purtroppo lavoro in nero, non possono lavorare e non hanno da mangiare, con figli. E poi gli usurai che gli prendono il poco che hanno”. Lo ha detto papa Francesco all’inizio della messa del mattino a Casa Santa Marta. “Preghiamo – ha aggiunto -, preghiamo per queste famiglie, per quei tanti bambini di queste famiglie, per la dignità di queste famiglie”. “E preghiamo anche per gli usurai – ha concluso il Pontefice -: che il Signore tocchi il loro cuore e si convertano”.

   Nell’omelia, commentando le letture del giorno, il Papa ha poi sottolineato che “Gesù prega per noi, prega davanti al Padre: noi siamo abituati a pregare Gesù perché ci dia quella grazia, o quell’altra, ma non siamo abituati a contemplare Gesù che fa vedere al Padre le piaghe, a Gesù l’intercessore, a Gesù che prega per noi”.

    “Pensiamo un po’ a questo – ha quindi esortato – e rivolgiamoci a Gesù ringraziando che lui preghi per noi, per ognuno di noi”.
    “Gesù prega – ha ribadito il Pontefice -, Gesù è l’intercessore, Gesù ha voluto portare con sé le piaghe per farle vedere al Padre, il prezzo della nostra salvezza”. “Signore prega per me, perché tu sei l’intercessore – ha concluso Francesco -. Il Signore ci insegni a chiedergli la grazia di pregare per ognuno di noi”. 

(Fonte: ansa.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *